In che modo le nostre capacità cognitive cambiano con l’età, con quali compiti andiamo meglio a 20, 30, 40 o 60 anni e perché diventare uno scrittore non è mai troppo tardi? Gli psicologi sono fiduciosi che molti di noi abbiano ancora gli anni del nostro cervello.

Ammettilo, di fronte a un compito difficile, probabilmente almeno una volta nella tua vita e hai pensato: “Eh, negli anni migliori non avrei avuto problemi!”Quindi di tanto in tanto tutti pensano da circa 25 anni. E completamente invano, a meno che non venga sollevato pesi esorbitanti o gare di maratona. Sì, le nostre capacità fisiche stanno gradualmente diminuendo nel corso degli anni, ma è così con l’intellettuale? E se il cervello ha “gli anni migliori”?

No – Tutto dipende da compiti specifici, gli psicologi di Joshua Hartshorne sono sicuri del Massachusetts Institute e Laura Germine dell’Università di Harvard (USA). Hanno offerto 2450 volontari di varie età e livello di istruzione per eseguire una serie di 15 test. E hanno scoperto che quasi un terzo dei compiti ha avuto più successo da persone di età superiore ai 45 e anche 55 anni. (1)

Memoria contro l’esperienza

I giovani partecipanti agli esperimenti sono riusciti a test che richiedevano memoria e attenzione. Ad esempio, in uno dei test era necessario visualizzare diverse fotografie di famiglia, e poi ricordare chi, in ciò che pone e quale sequenza veniva catturata su di loro. I migliori risultati qui sono stati in persone di 18 anni e a circa 35 anni.

Ma i compiti matematici e i test per le conoscenze generali erano molto più facili per i partecipanti di età superiore ai 40 anni. E questo non è tutto. I test includevano la cosiddetta mente-negli occhi: avendo guardato la fotografia di una persona, i soggetti dovevano determinare quali emozioni aveva vissuto. Il compito non è così facile come potrebbe sembrare: ad esempio, i gradi estremi di gioia, sorpresa o paura sono spesso espressi da espressioni facciali molto simili. È stato meglio leggere “scritto in faccia” da volontari di 43-58 anni.

E infine

Ora sei appena venuto da lui e chiedi di decomprimere la cerniera sul vestito. Ma tuttavia è conveniente avere un numero di una cialis online che lo fissano sempre e diffonderlo!

, il test per la ricchezza del vocabolario ha mostrato che il massimo raggiunge questa fornitura dopo 55, e spesso dopo 65 anni – e si riduce solo più vicino a 80. “Il periodo di massimo splendore del nostro cervello semplicemente non esiste”, concludono i ricercatori. – Inoltre, è impossibile anche determinare l’età in cui una persona affronta meglio con la maggior parte dei compiti cognitivi, poiché quasi tutti sono risolti in modo più efficace in diversi periodi di vita “.

I risultati dello studio difficilmente possono essere considerati sensazionali. Piuttosto, confermano sperimentalmente ciò che è già facile da indovinare: in alcune situazioni la velocità e la mobilità della mente giovane sono buone e in altre – esperienza accumulata e conoscenza della mente matura. Ma comunque, vedi, è bello imparare dalla venerabile fonte scientifica scientifica psicologica che gli anni migliori del tuo cervello sono in un modo o nell’altro in anticipo privo di quanti anni hai.

1. J. Hartshorne, l. Germine “quando il picco di funzionamento cognitivo? L’ascesa asincrona e la caduta di diverse capacità cognitive nella durata della vita »Scienze psicologiche, pubblicazione online dal 13 marzo 2015.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *